Invi

Utenti
  • Contenuti totali

    687
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    5

Ultima vincita di Invi: 11 Giugno 2016

I contenuti di Invi erano i più graditi!

Reputazione

274 Amato

Informazioni su Invi

  • Rango
    Ospite fisso

Dati profilo

  • Sesso
    Uomo
  • Luogo
    Napoli
  • Videogioco preferito
    Gothic e The Witcher Saga

Ultimi visitatori del profilo

2208 visualizzazioni del profilo

Altro

  • Punti esperienza 0
  1. Non ho provato quella sezione con la tastiera, ma credimi che è molto meno "hardcore" di quel che sembra, non lasciarti ingannare dalle apparenze [emoji4] Comunque concordo, purtroppo non è una novità il porting sottotono di un titolo orientale, anche per questo ho optato direttamente per la versione Ps4 e non pc (tralasciando il fatto che il mio pc sia un triciclo sgangherato ormai). Non ti darò altri consigli riguardo quella fase per non farti spoiler, ma ti consiglio di fare tutto ciò che hai lasciato in sospeso o che sei curioso di fare prima di avventurarti nell'ignoto [emoji4]
  2. Spero che non ti sia arreso proprio lì... e che tu abbia attivato le funzionalità online per quella sezione
  3. Vedo che la mia raccomandazione ha portato i suoi frutti
  4. Preso direttamente dall'account ufficiale twitter di Gwent: PS4 users, who can't log into the game. Please delete the user.settings file: >Open Settings >Open Application Saved Data Management >Saved Data in System Storage >Delete >Gwent: The Witcher Card Game > Select Gwent and press delete Ho avuto lo stesso problema e con me questo procedimento ha funzionato, fammi sapere [emoji4]
  5. Purtroppo è un "bug" mai risolto da Bethesda su Ps4: sin dal day one tutte le copie del gioco hanno presentato questo problema (credo che riguardi solo il doppiaggio italiano) e Bethesda se n'è altamente lavata le mani.
  6. Mi sono fermato a "la Nintendo deve fallire male"...
  7. Da quanto ne so il porting su steam non è dei migliori... dovrebbe avere dei problemi con la risoluzione se non vado errato, non so se nel frattempo sia uscita una patch.
  8. Provo a darti delle informazioni più precise visto che qui non siamo off-topic Innanzitutto, sfatiamo il mito del gioco corto: per finire la storia e per capirne le varie sfaccettature non c'è bisogno di fare i completisti e ripetere il gioco 3 volte, ottenere i 5 finali equivale ad averlo finito. Il gioco, dopo il primo finale (A), ti dice chiaramente che c'è "qualcos'altro" se carichi la partita appena conclusa (che non starò a svelare per non fare spoiler) e che solo giocandolo farà capire che c'è ancora tanto da vedere. Nella trama principale c'è solo una scelta che può creare più di un finale (e che probabilmente noterai subito) e si trova in un punto avanzatissimo del gioco. Detto questo, passiamo al resto: il gioco è sì basato sul combattimento, ma anche sull'interattività psicologica del giocatore: più di una volta mi sono chiesto se effettivamente il combattimento fosse la cosa giusta. Ovviamente ci saranno sezioni in cui combattere è obbligatorio (vedi la demo), ma NieR è molto "particolare" su questo punto. Non vado avanti per non spoilerare. Per quanto riguarda le quest, beh... non aspettarti niente di simile ad un The Witcher 3: la maggior parte di esse non hanno bivi narrativi e sono molto ripetitive nella struttura (porta questo a tizio, uccidi tot nemici per recuperare questo oggetto) ma sarebbe un enorme peccato non farle. Il 90% di esse, infatti, hanno delle conclusioni non solo fuori di testa, ma delle morali così profonde che tutte potrebbero farti pensare per ore ed ore. Ovviamente non mancano anche quelle più leggere, ma sempre con qualche lato disturbante. Per il lato tecnico invece è tutto un po' altalenante: il gioco mantiene i 60 fps nei combattimenti, ma durante l'esplorazione si hanno dei cali enormi, che possono far scendere i 60 fps a 40 o addirittura a 30. La grafica generale, nonostante abbia ambientazioni ispirate, è chiaramente dell'epoca ps3 (se non fine ps2, ma non esageriamo): se la cosa viene nascosta nelle aree più "ristrette" (come la demo, per esempio), la parte open world non ci prova nemmeno a nascondere certe magagne. Parliamo di casi di texture ripetute all'inverosimile (prova a guardare uno screen di una visuale dall'alto di un grattacielo verso il basso) a casi di pop up palesissimo. Fortunatamente, come detto sopra, la direzione artistica compensa in gran parte. Infine, nota di merito per la colonna sonora: ogni OST è cucita addosso agli eventi del gioco come se debbano essere complementari. Probabilmente non sarebbe lo stesso gioco senza di essa. Personalmente ho adorato NieR, ha dei difetti abbastanza ingenui che possono far storcere il naso, ma se si riesce ad aprire la mente ed il cuore a questo piccolo gioiello, molto difficilmente verrà dimenticato.
  9. I finali vanno dalla A alla Z, tuttavia i finali "veri" del gioco sono A, B, C, D ed E, gli altri sono finali "scherzosi", che acchiappi se cerchi di andare contro le regole del gioco (che so, andandotene in una situazione che richiede la tua presenza, morire in un punto in cui non dovresti ecc ecc). Per dire di aver finito il gioco basta fare i primi 5 finali
  10. Piccolo OT: NieR va rigiocato 3 volte, ed ogni volta il gioco introduce nuove meccaniche che cambiano le carte in tavola, anche narrative. Le due run sono abbastanza simili, mentre la terza è proprio come se fosse un altro gioco. Personalmente sceglierei NieR su Andromeda tutta la vita...
  11. Ad occhio e croce mi butto su Halo...
  12. Per quanto sia un finale negativo, l'ho sempre considerato quello con la regia migliore e una gestione delle animazioni facciali da premio oscar.
  13. Yup, inoltre quel finale risolve un quesito rimasto insospeso nel gioco base, che non spoilererò se vuoi rigiocartelo
  14. Mi rifaccio con questa: Hitman!
  15. Ah, allora avevo capito completamente il contrario Pensavo avessi dato il punto a me perchè avevo scritto prima il messaggio. Son d'accordissimo sul dare il punto a lui